Pattuglie di polizia e carabinieri passeranno con più frequenza nei pressi dello stabile dell'allenatore

Minacce insieme ad una busta contenente un proiettile hanno fatto scattare la “vigilanza dinamica”, ovveor il livello più basso di tutela, per l’allenatore dell’Inter Antonio Conte. A riportarlo è il quotidiano “Il Corriere della Sera” che afferma che al momento l’ipotesi prevalente sarebbe l’azione di un mitomane. Intanto, dopo la misura decisa dalla Prefettura di Milano, pattuglie di pulizia e carabinieri passeranno con più frequenza intorno allo stabile in cui vive il tecnico nerazzurro per garantire una maggiore sicurezza.